12/09/2018
Riassunto del nostro Mario Silvestri



I Cavalieri stanno gustando questo magico momento che li ha portati alla finale playoff da disputarsi su cinque partite contro il Macerata. Un balzo in avanti notevole se si considera che solo la scorsa stagione, più o meno la stessa squadra, era inguaiata nella lotta per non retrocedere il serie B. Soltanto la sfida playout vinta con l'Oltretorrente li salvò dalla retrocessione. Ad un anno di distanza da quella sofferta stagione ecco i Goti in lotta per il ritorno nella massima serie dalla quale erano scesi per una scelta della dirigenza rossoblù che preferì disputare il campionato di A Federale piuttosto che avventurarsi nel campionato di IBL, che avrebbe comportato un budget di spesa allora non sostenibile da parte della società. Le ragioni di questo successo sono molteplici innanzi tutto la presenza di un manager Marco Bortolotti in grado di aver amalgamato quel gruppo che l'anno prima sembrava allo sbando, dettando delle regole deontologiche da seguire in campo e fuori del campo e nei confronti dei compagni di squadra. Il ritorno dopo un anno trascorso a Firenze della seconda base Mattia Bucchi e quello dopo alcune stagioni trascorse ad Imola del prima base Erik Gelli. L'ottimo lavoro svolto dal cubano Luis Hernandez come pitching coach in grado di aver fatto crescere in modo esponenziale il parco lanciatori del Godo soprattutto i giovani e la riprova è stata la buona prestazione di Samuele Galli autore di una prestazione maiuscola in gara tre col Ronchi. Il reparto lanciatori è cresciuto sotto l'ala protettiva di capitan Matteo Geleotti, con Gabirele Piumatti rivelatosi un ottimo closer. Dall'inizio della stagione ha migliorato la propria prestazione sul monte l'argentino Riello e per chiudere Javier Perez, Jonathan Foli e i fratelli Alex e Mirco Sabbadini. L'arrivo di Stefano Naldoni come hitting coach ha portato ad un salto di qualità nel rendimento nel box di battuta dove la media battuta di squadra, solitamente tallone d'Achille, è salita notevolmente. In più la crescita di rendimento di tutta la squadra Federico Rubboli, Manuel Evangelista, Luca e Marco Servidei, Davide e Giacomo Meriggi, Simone Melandri, Nocolò Minghelli e Jacopo Foli e Jacopo Molducci. Il presidente Carlo Naldoni vuole restare comunque con i piedi per terra ed afferma: . Ad ogni buon conto nel futuro del Godo c'è molta carne al fuoco un eventuale collaborazione col Ravenna baseball gestire la partenza di Luis Hernardez chiamato a collaborare con l'Accademia di Roma. Per quanto riguarda la collaborazione fra Godo e Ravenna i contatti sono stati avviati e Marco Bortolotti e Andrea Tulli sono al lavoro ora occorre fare molta attenzione alle interferenze interne delle due compagini.

Di Mario Silvestri

(c) Flavia Zanchini





NEWSLETTER
Inserisci il tuo indirizzo eMail e premi invia.
leggi l'informativa sulla privacy

< Settembre 2018 >
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
legenda: evento in programma






PARTNERS